Elettroterapie Strumentali

IONOFORESI

E’ un’elettroterapia rivolta a pazienti con patologie in fase acuta.

Mediante l’utilizzo di una corrente unidirezionale, si può ottenere il passaggio di una soluzione medicamentosa dagli elettrodi alla cute. La ripetizione di questa tecnica permette di avere, localmente, una specifica azione antinfiammatoria.

Utilizza una corrente continua che determina una migrazione di ioni che obbediscono alla legge della polarità (ioni negativi verso il polo positivo e viceversa) e penetrano nell’organismo attraverso i dotti sudoripari, quelli sebacei ed i canali piliferi.

L’intensità della corrente è variabile ma non giunge mai ad un effetto di stimolazione motoria.

Avvenuto un legame con gli ioni dei tessuti superficiali, si costituisce un deposito farmacologicamente attivo (azione locale) destinato poi ad essere mobilizzato attraverso il circolo ematico e linfatico (azione generale). Viene abitualmente utilizzata a scopo antiedemigeno, antinfiammatorio, antalgico e miorilassante veicolando attraverso la cute farmaci allo stato ionico (anestetici locali, corticosteroidi, analgesici, antibiotici, composti chelanti) e producendo un’azione analgesica mediante modificazioni dell’eccitabilità delle strutture nervose al passaggio della corrente continua.

Le indicazioni (si modificano rispetto al tipo di farmaco utilizzato) comprendono: sindromi dolorose acute o croniche comparse a seguito di affezioni post-traumatiche e post-operatorie, in corso di radicolopatie e/o neuropatie, di malattie reumatiche e/o dell’apparato osteo-artro-muscolare, di tendiniti, fibromialgie, algodistrofie.

I vantaggi di questa applicazione comprendono la capacità di dirigere la sostanza attiva verso un luogo specifico evitando un intolleranza gastrointestinale da farmaci mentre i possibili inconvenienti (peraltro molto rari) sono rappresentati da reazioni di intolleranza nei confronti delle sostanze veicolate, da un'accentuazione temporanea della sintomatologia dolorosa nel punto di applicazione, dalla comparsa di aree di arrossamento cutaneo con aumento della temperatura locale, da lesioni cutanee determinate in corrispondenza di aree con compromissione della sensibilità o in pazienti con alterate condizioni cognitive, da episodi di sofferenza neurovegetativa (nausea, vertigini, sbalzi pressori), da reazioni di intolleranza nei confronti delle sostanze farmacologiche veicolate.

Non devono sottoporsi a questa terapia i portatori di Pace-Maker e non deve essere applicata sulle lesioni cutanee.

FISIO SpA | via Nizza 218 - 10126 Torino (TO)
011 663 59 00 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
REA: TO-603790 - C.F. 02275120109 - P.IVA 03948900018

Privacy Policy - Cookie Policy - Credits: Mediafactory Web Agency Torino

Seguici su